Efficienza e trasparenza

Nuvola di parole - Gruppo Economia

Nuvola di parole - Gruppo Economia

Una “macchina comunale” trasparente e partecipata.

Una “buona amministrazione”, impostata secondo criteri di sobrietà, efficienza, sostenibilità, partecipazione e solidarietà è fondamentale ai fini della costruzione di percorsi condivisi orientati al benvivere. Nell’epoca di internet rendere più trasparenti e comprensibili a tutti, gli atti del Comune è facile e costa poco, ma ha enormi ricadute in termini di efficienza e di controllo. La prassi delle ultime amministrazioni è sembrata invece perlopiù orientata all’allontanamento dei cittadini dalla conoscenza e quindi dalla partecipazione. Attivare sistemi di controllo e di trasparenza è un importante segno di cambiamento.

Le azioni da realizzare:

  • Pubblicazione on line di tutte le delibere comunali, gli atti amministrativi e gli appalti con i relativi capitolati, ed istituzione di un osservatorio per monitorare il rispetto delle clausole contrattuali dei vari appalti di beni e servizi.
  • Pubblicazione on line di tutte le nomine e designazioni fatte dal Comune in altri organismi pubblici e in società partecipate, nonché dei compensi ad essi corrisposti.
  • Pubblicazione del bilancio in forme comprensibili alla popolazione, oltre a quello redatto secondo le modalità previste dalla legge.
  • Rispetto dei tempi per la presentazione del preventivo e di tutti gli adempimenti connessi al bilancio.
  • Assegnazione degli incarichi dirigenziali in base alla valutazione delle competenze possedute, con particolare attenzione alla capacità di coinvolgere e motivare i collaboratori.
  • Impegno alla formazione e valorizzazione del personale comunale affinché i servizi resi siano sempre più tempestivi e qualificati, e sia al contempo possibile limitare il ricorso a consulenze esterne.
  • Istituzione di opportune procedure ed organismi di controllo sugli appalti dei servizi, compresi quelli già in essere, con rafforzamento dei poteri di valutazione e di indirizzo del consiglio comunale.
  • Semplificazione e divulgazione dei documenti che descrivono i livelli di servizio da garantire, affinché i cittadini possano denunciare le eventuali inefficienze all’osservatorio preposto, il quale deve poter comminare le sanzioni ed informare i cittadini dell’esito dei loro esposti. Le imprese che non garantiscono l’osservanza delle norme di sicurezza, ambientali e sulla regolarità delle condizioni di lavoro saranno escluse dagli appalti.
  • Attuazione di quanto previsto dalla legge in materia di:

– fissazione rigorosa di termini per ridurre le occasioni di corruzione e favoritismi
– verifica e revisione delle procedure contrattuali e dei contenuti dei contratti

– controlli sulla veridicità delle dichiarazioni delle imprese partecipanti alle gare.

– tracciabilità dei pagamenti afferenti ai contratti dell’amministrazione.

  • Collaborazione con le Istituzioni preposte alla Sicurezza ed alla Legalità nell’attivazione di canali e procedure facilmente accessibili, attraverso cui i cittadini e gli utenti siano incentivati a segnalare e denunciare, con garanzie di riservatezza, eventuali episodi di illegalità o corruzione nell’amministrazione comunale.
  • Innovazione dei sistemi di controllo di gestione, ricorrendo ad indicatori esplicitamente orientati al controllo della qualità, dell’efficacia e dell’efficienza degli appalti.