Como città attiva

Nuvola di parole - Gruppo Economia

Nuvola di parole - Gruppo Economia

Più sostegno al lavoro

Più alto è il tasso di attività, più una comunità è nel suo complesso “ricca”, sia economicamente sia socialmente. A Como (dati provinciali) il tasso di attività è del 68,6%, di oltre sei punti percentuali superiore al dato nazionale, ma dello 0,4% inferiore rispetto alla media della Lombardia. Uno svantaggio dovuto ad una minore presenza delle donne sul mercato del lavoro: 58,9% a Como rispetto al 59,7% regionale. Favorire maggiori occasioni di lavoro per le donne non è quindi solo una richiesta di pari opportunità, ma è condizione per lo sviluppo e la crescita armonica.
Ampliare e sostenere le opportunità di lavoro presenti sul territorio è un obiettivo primario per un Comune che voglia migliorare il benessere collettivo, in raccordo con le altre istituzioni pubbliche, con i comuni circostanti e con le forze economiche e sindacali.

Le azioni da realizzare:

  • Salvaguardia e promozione della Como del lavoro attraverso:
    – Difesa dei livelli occupazionali, favorendo la permanenza e l’insediamento di nuove attività artigianali e/o di innovazione tecnologica compatibili con il tessuto urbano, disincentivando delocalizzazioni e/o cambi di destinazioni d’uso di aree produttive;
    – Semplificazione delle procedure burocratiche comunali (un Comune “amico” delle imprese, con un Assessorato alle Attività Produttive ed uno sportello costantemente in dialogo con gli imprenditori);
    – Raccordo con l’Università, per lo stimolo ed il sostegno all’innovazione tecnologica, organizzativa e gestionale;
    – Servizi efficienti di supporto al migliore svolgimento dell’attività d’impresa (per la mobilità dei dipendenti, per la consegna delle merci, per lo smaltimento dei rifiuti);
    – Salvaguardia e promozione del tessuto di piccoli esercizi commerciali che animano i quartieri e la convalle, contrastando l’espansione incontrollata della media e grande distribuzione.
    – Aiuto all’accesso al credito delle famiglie, dei commercianti, dei piccoli e dei nuovi imprenditori, attraverso la promozione di accordi con banche e associazioni imprenditoriali sul prestito d’onore.
    – Sostegno alla presenza di Como nei network turistici, proponendo iniziative basate sulle eccellenze paesaggistiche e il patrimonio culturale del territorio, valorizzando anche le opportunità offerte in tal senso da EXPO 2015.
  • Agevolazione dell’incontro fra la domanda e l’offerta di lavoro:
    – Qualificazione e pubblicizzazione dello sportello per i giovani, tramite accordi con scuole ed Università, anche per promuovere stage formativi;
    – Assistenza ai lavoratori stranieri ed ai loro datori di lavoro negli adempimenti richiesti, specie in occasione delle scadenze più critiche;
    – Creazione di percorsi di comunicazione tra aziende e giovani, in grado di aiutare le piccole e medie imprese a costruire le condizioni per l’inserimento e la crescita professionale dei giovani, anche con il supporto di finanziamenti regionali o nazionali;
    – Valorizzazione sociale dei lavoratori colpiti dalla crisi e sostegno alla riqualificazione delle conoscenze, attraverso accordi con enti di formazione, associazioni sindacali ed imprenditoriali;
    – Promozione di politiche di flessibilità, a sostegno del lavoro delle donne (part time, orari flessibili).

Lavoro

Nuvola di parole - Gruppo Giovani

Nuvola di parole - Gruppo Giovani

  • Spazi per una nuova imprenditorialità. Il Comune possiede numerosi edifici di proprietà non utilizzati, che possono essere affittati a tassi agevolati ai giovani imprenditori, creando una collaborazione tra comune e camera di commercio per i progetti START-UP.
  • Realizzazione, a sostegno della creatività giovanile (settori della moda, arredamento /complementi d’arredo e design), di un’Officina/Emporio municipale: uno “spazio”, un luogo di lavoro dotato di specifiche attrezzature, in grado di favorire nuove idee attraverso il confronto tra imprenditori/creativi e lo sviluppo del business, con l’individuazione di clienti, investitori e sponsor. Si favoriscono relazioni con il mondo della formazione e il contatto con il mondo delle imprese, che finanziano progetti e affidano produzioni limitate o ad hoc.